Andrea Cortesi – Violino

Andrea Cortesi 2 Andrea Cortesi   ViolinoDeve la propria formazione ai violinisti Béla Csanyi, Corrado Romano e Massimo Quarta.

Negli ultimi 15 anni è stato ospite di festival italiani ed esteri alternando l’attività solistica a vari progetti da camera con tournèe e concerti in Italia, Francia, Svizzera, Germania, Olanda, Giappone.

 

 

 

 

 

 

Deve la propria formazione ai violinisti Béla Csanyi, Corrado Romano e Massimo Quarta. Ha fondato l’Orchestra da Camera Millennium, il Quartetto Mosaico e il Collegium Tiberinum, con un repertorio da Bach ai contemporanei.

Violinista dallo stile personale, si distingue per il suo spirito di ricerca e per la sua propensione verso i lavori dei compositori più interessanti delle ultime generazioni di cui ha realizzato numerose prime nazionali ed assolute.

E’ entrato in contatto con numerosi compositori contemporanei tra cui Leo Brower, Graham Fitkin, Philip Glass, Dave Heath, Ennio Morricone, Michael Nyman, Giovanni Sollima, Matteo Franceschini, Georgs Pelecis, Luis Bacalov. Negli ultimi 15 anni è stato ospite di festival italiani ed esteri alternando l’attività solistica a vari progetti da camera con tournèe e concerti in Italia, Francia, Svizzera, Germania, Olanda, Giappone. Suona con con il pianista Marco Venturi, con il quale ha dato vita al progetto discografico dal titolo ‘Lontanissimo’ per l’etichetta Max Research, con brani di Arvo Pärt, Valentin Silvestrov (con la sua Sonata ‘Post Scriptum’ in terza egistrazione mondiale) e Astor Piazzolla. In uscita, sempre per Max Research, il secondo progetto discografico in duo con Marco Venturi dal titolo‘La Macchina del Tempo’,con lavori di Beethoven e Schnittke. Ha collaborato con numerose orchestre, spesso in veste di primo violino di spalla, suonando con solisti e direttori come E.Morricone, Yo-Yo Ma, R.Muti, J.Rachlin, S.Accardo, F.Petracchi, S.Rigacci, D.Pontes, K.Ricciarelli, S.Mercurio, P.N.Masi, M.Turkovic, A.Blau, S.Tchakerian, C.Wilson, T.Battista, A.Carbonare, G.Buttà, M.Ancillotti, M.Panni, L.Prandina, E.Catemario, A.Fernandez, C.Rossi, R.Fabbriciani, B.Canino, E.Bronzi, M.Vayrynen, L. Piovano, E.Segre, R.Bahrami. Musicista versatile, con incursioni in ogni genere, per concerti, tour e numerose produzioni discografiche sia nella musica classica e contemporanea che nel Jazz e nel pop internazionale, con artisti come Fabrizio Bosso, Dianne Reeves, Caetano Veloso, Ornella Vanoni, Celentano, Giorgia, Fiorella Mannoia, Laura Pausini, Antonella Ruggiero, Renzo Arbore, Tiromancino, Sergio Cammariere, Gino Paoli, Norah Jones, Andrea Bocelli, Pooh, Mario Biondi, Sting, e con compositori come E.Morricone, A.Guerra, P.Vessicchio, R.Serio, M.De Sica, P.Silvestri, F.Frizzi, C.Valli, P.Buonvino. Ha preso parte anche alcuni interessanti progetti nell’indie-rock, nel rap, e nella musica elettronica come con Carlot-ta, KiddyCar, Frankie HI-NRG MC, Claudio Simonetti e i Goblin, Arandel. In particolare, nel pop, da segnalare le collaborazioni in formazione di quartetto d’archi con la cantante Giorgia per la registrazione del primo MTV UNPLUGGED italiano, seguita da due lunghe tournèe italiane, e la partecipazione al tour italiano 2010 di Fiorella Mannoia, da cui è nato il DVD live ‘Il Tempo e l’Armonia’. Tra le collaborazioni in corso quella con il compositore Enrico Bindocci per il progetto ‘Balkan Roots’, di cui è in uscita il Cd omonimo, con prime assolute di elaborazioni di brani di Béla Bartók e del repertorio di area balcanica, con il quintetto del Collegium Tiberinum, Leonardo Ramadori alle percussioni e la cantante cipriota Kyriacoula Costantinou. Molte le prime italiane: come solista, quella di ‘Come In!’ per violino e orchestra, del russo Vladymir Martynov, con il direttore Simon Over e l’orchestra inglese Southbank Sinfonia, l’Ave Maria’ op.110 del norvegese Knut Nystedt per violino solista e coro, con i Vasari Singers, uno dei più rinomati cori inglesi, diretti da Jeremy Backhouse, con il Collegium Tiberinum 5 Minuten aus dem Leben von W.A.M” (5 Minuti sulla vita di Mozart) di Alexander Raskatov per violino, archi e percussione, Blossoming Jasmine dell’ucraino Georgs Pelecis e Negli Occhi Sereni di Daniele Corsi, entrambi per violino solista, vibrafono e archi. Sempre alla guida del Collegium Tiberinum, ha realizzato la prima assoluta e Cd del Vespro di Santa Veronica di Carlo Pedini. Altre prime eseguite sono in duo con pianoforte, come Post Scriptum di Valentin Silvestrov e Conversio di Erkki-Sven Tüür, in quartetto spicca SERVANT, di Graham Fitkin, sempre in quartetto d’archi ha realizzato la prima assoluta dal vivo della video-opea MIGRANTES di Pino Massara. Come spalla dell’Orchestra da Camera Millennium la prima assoluta di Gioco d’Echi di Andrea Morricone, THE FRONTIER di Dave Heath, il Concertino for String Orchestra di Bruce Montgomery. Con i Solisti di Perugia ha realizzato la prima mondiale di Song of Milarepa di Philip Glass. Collabora in veste di primo violino con la ESO (Ensemble Symphony Orchestra), con cui ha effettuato concerti, tournèe e registrazioni con vari artisti tra cui Mario Biondi, Pooh, Francesco Renga (tour Orchestra e Voce), Francesco de Gregori, e in particolare è stato primo violino solista nelle due date italiane del Symphonicity Tour 2011 di Sting. Con il proprio quartetto, il QUARTETTO MOSAICO, ha collaborato con i Fratelli Mancuso, eseguendo il loro Requiem insieme al coro Armonioso Incanto diretto da Franco Radicchia allo Stimmen Festival di Lörrach (Germania) e con il clarinettista americano Andrew Simon per i quintetti di Mozart e Weber, con la preziosa partecipazione del rinomato violoncellista britannico Raphael Wallfisch. Si esibisce da alcuni anni con il premio Oscar compositore e pianista Luis Bacalov, nel contesto delle proprie formazioni musicali (Orchestra da Camera Millennium e Collegium Tiberinum sia in formazione completa che in quintetto). Con Bacalov ha promosso alcuni programmi che affiancano la musica contemporanea e alle sue proprie composizioni, collaborando con il Bacalov compositore, pianista e direttore: dall’esordio della collaborazione suonando sotto la sua direzione il ‘Concerto Grosso’ per violino solista e orchestra, sino ad un’inedito programma dal titolo ‘EMISFERI’ realizzato nel 2011 al Todi Arte Festival che ha visto Andrea Cortesi in duo con il grande musicista argentino al pianoforte. E’ in uscita nel 2013 ‘La Macchina del Tempo’ il secondo lavoro discografico in duo con il pianista Marco Venturi, con lavori di Beethoven e Schnittke. Nel 2012 ha realizzato ‘VIOLONS VIBREZ!’ per la casa editrice Sonzogno, una versione per due violini solisti e archi dall’originale per due violoncelli ‘Violoncelles Vibrez!’ di Giovanni Sollima, versione che presenta in esclusiva mondiale.

 

Andrea Cortesi studied with Béla Csanyi, Corrado Romano and Massimo Quarta. He is the founder of the Millenium chamber orchestra, the Quartetto Mosaico and the Collegium Tiberinum with repertoires which range from Bach to contemporary composers. He is a violinist with a personal style and stands out from the crowd for his spirit of research and his commitment to the divulgation of works by contemporary composers and for the number of first performances of works at a national international level. He is in contact with many composers such as Leo Brower, Graham Fitkin, Philip Glass, Dave Heath, Ennio Morricone, Michael Nyman, Giovanni Sollima, Georgs Pelecis. He is a versatile musician and has featured in many Jazz and international pop recordings. In the last 15 years he has appeared in some of the most important Italian and foreign music festivals alternating his activities between that of a soloist and the various projects for his chamber groups.

 

 lontanissiomo front Andrea Cortesi   Violino

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>